Studio Scientifico

Studio scientifico della Momordica Charantia

banner-studio-scentifico

Un rimedio amaro per una risoluzione dolce

Il frutto della Momordica Charantia Linn, in inglese Bitter Melon per il suo gusto amaro, è stato scoperto come rimedio per la cura del diabete. È stato oggetto di una accurata e meticolosa sperimentazione, la quale ha dimostrato l’efficacia della Charantia come coadiuvante nel trattamento del diabete.

Botanica
 
Il melone amaro è un rampicante della famiglia delle cucurbitacee. Momordica significa 'mordere' e si riferisce ai bordi seghettati della foglia, che appare come se fosse morsicata. Charantia deriva da una parola greca che significa 'bellissimo fiore'. L'intera pianta, frutti compresi, ha un sapore amaro. Il frutto è oblungo e assomiglia ad un piccolo cetriolo. Quando non e' maturo ha un colore verde smeraldo mentre quando e' maturo il colore cambia diventando giallo-arancione. Il frutto selvatico cresce sino a raggiungere i 5 cm, mentre quello selvatico può arrivare sino a 15 cm di lunghezza. Questa pianta cresce nelle zone tropicali dell'Asia, dell'Amazzonia, dell'Africa e Caraibi.
 
Fitochimica
 
Sono stati condotti diversi studi sul melone amaro ed i componenti chimici trovati sono: glicosidi, saponine, alcaloidi, olii aromatici, triterpeni, proteine, lectine momorcharine citochine, acidi grassi, charantine. Questi componenti sono concentrati nei frutti che sembrano avere una pronunciata attività ipoglicemizzante rispetto alle altre parti della pianta. Studi condotti sul bitter melon sembrano dimostrare che contenga delle proteine (chiamate MRK29) coinvolte nell'inibizione dell'HIV. La momordicina è stata  identificati come importante per l'attività nemiticida.
 
Farmacologia
 
Sono state isolate delle proteine che sembrano essere attive contro per i virus della poliomielite. Gli estratti delle diverse parti della pianta del melone amaro sono stati studiati e sembrano essere farmacologicamente attivi contro i microbi. Sono state dimostrate, in vitro, attività antielmintiche (azione vermicidica) contro i vermi Ascaridia Galli.
 
Attività antitumorale
 
Vari studi preliminari (in vitro e in vivo) sembrano dimostrare che gli estratti del bitter melon posseggano un'attività antitumorale. E' stato studiato l'effetto anti-cancerogeno sui topi con cancerogenesi della pelle ed e' stato riscontrato che la somministrazione orale dell'estratto del frutto proteggeva i topi dallo sviluppo di tumori della pelle e aumentava l'aspettativa di vita rispetto ai controlli. L'estratto aveva ridotto inoltre la cancerogenicità indotta dalla perossidazione lipidica nel fegato ed il danno nel DNA dei linfociti.  E' stato trovato inoltre che l'estratto del frutto attivi in modo significativo degli enzimi epatici, quali glutatione-S-transferasi, glutatione-perossidasi e catalasi (P <0,001), che mostrano una depressione in seguito ad esposizione del cancerogeno.  I risultati suggeriscono un ruolo preventivo di costituenti idrosolubili del frutto del melone amaro durante la carcinogenesi, che è probabilmente mediato dai loro effetti modulatori sugli enzimi della biotrasformazione e del sistema di disintossicazione dell'ospite. Il significato clinico di queste scoperte è ancora da determinare.
 
Attività anti-ulcera
 
Il tradizionale uso del melone amaro nel trattamento delle ulcere è sostenuto da diverse ricerche che sembrano dimostrare la sua attività anti-ulcerosa nell'ulcera indotta dall'etanolo nei ratti. L'attività antibatterica contro H. pylori contribuirebbe ulteriormente a questo effetto protettivo.
 
Attività immunomodulatore
 
Estratti di melone amaro e componenti isolati hanno un effetto variabile sul sistema immunitario. E' stato dimostrato essere immuno stimolante in alcuni studi e immunosoppressivo in alcune condizioni (rigetto allogenico). Il significato clinico non è ancora noto in quanto sembra essere fortemente dipendente dal tipo di estratto, dal dosaggio e dalla somministrazione. La sua attività immunomodulante potrebbe spiegare il suo uso tradizionale nella psoriasi, la quale adesso è conosciuta essere una malattia autoimmune.               
 
Attività ipoglicemizzante
 
L'attività ipoglicemizzante del melone amaro è la più studiata e la più significativa. Questa attività dei frutti, dei semi, delle foglie e dell'intera pianta  è stata confermata in studi su animali.
 
Diabete indotto da allossana
 
Il diabete mellito può essere indotto negli animali da parziale pancreatectomia o tramite la somministrazione di farmaci diabetogenici come allossana, streptozotocina, ditizone e siero anti-insulina. Questi agenti distruggono selettivamente le cellule-β delle isole di Langerhans. Allossana, un prodotto derivato dall'acido urico ossidato, è uno dei modelli più comunemente usati del diabete sperimentale. Uno studio che ha esaminato gli effetti ipoglicemizzanti di trenta erbe più popolari indiane anti-diabetiche  come Indica Coccinia, involucrata Tragia, Gymnema Sylvestre, marsupio Pterocarpus  e  Momordica charantia, quest'ultima e' stata trovata essere la più potente.  In questo esperimento con ratti con il diabete indotto da allossana, il melone amaro riduceva la lettura iniziale di glucosio nel sangue da 244 mg / dl a 119 mg/dl, dopo una singola dose di 250 mg/kg di estratto per due settimane.  Non e' stato rilevato zucchero nelle urine dopo le due settimane. Un altro studio ha confermato che sia l'estratto alcolico che acquoso dei frutti del melone amaro esercita degli effetti ipoglicemizzante nei ratti con il diabete acuto indotto da allossana.  Diversi dosaggi di entrambi gli estratti producono una significativa riduzione dopo una settimana (p <0.01). Il massimo effetto ipoglicemizzante è stato osservato dopo tre settimane di 200 mg/kg al giorno di estratto. Nei ratti con diabete cronico indotto da allossana, 200 mg/kg giornalieri di estratto di melone amaro riduceva i livelli di glucosio nel plasma del 64% in un mese, incrementando ad una riduzione del 70% dopo quattro mesi. Un altro studio recente utilizzava estratti di frutti verdi acerbi.  Sono stati prodotti tre estratti diversi, un estratto a base di metanolo sulla frutta secca, un estratto a base anche di cloroformio sulla frutta secca e un estratto acquoso preparato a partire da frutta fresca. Tutti questi estratti erano successivamente fatti seccare e ridotti in polvere. Gli estratti sono stati comparati alla glibenclamide per i loro effetti ipoglicemici nei ratti con il diabete indotto da allossana. Gli estratti polverizzati venivano dati per via orale ad un dosaggio  di 20mg/kg di  peso corporeo e la glibenclamide alla dose di 0,1 mg/kg. Come si può vedere dalla tabella 1, tutti e tre gli estratti abbassato il livello di glucosio nel sangue, l'effetto dell'estratto di cloroformio è  minima, con l'estratto acquoso è più efficace e simile a quello della glibenclamide.
 
Tabella 1
 
Confronto tra l'efficacia dei diversi estratti di melone amaro con la glibenclamide su percentuale di riduzione del glucosio nel sangue dei ratti con diabete indotto da allossana.

TabellaMomordica

Diabete indotta da streptozotocina
 
Nei ratti con diabete indotto da streptozotocina, un modello di diabete insulino-dipendente umano, la somministrazione del melone amaro ha dimostrato un  miglioramento della tolleranza al glucosio in modo significativo.  In uno studio di confronto tra il bitter melon e la metformina (500 mg/kg di un estratto alcolico di melone amaro) i livelli di glucosio nel plasma si riducevano del 26% (p <0,002) a 3,5 h dalla somministrazione laddove 200 mg/kg di metaformina causava una riduzione del 40-50% (p <0,001) ad azione veloce. I dati di questo studio suggerisce che il melone amaro abbassa in parte i livelli di glucosio nel plasma  stimolando la sintesi del glicogeno nel fegato, e che è improbabile che questa agisca come uno stimolatore secretorio per l'insulina. In un altro studio , nei topi con diabete indotto da streptozotocina, l'estratto di melone amaro induceva una riduzione di circa il 22,7% nei livelli di glucosio nel plasma , dopo due mesi. L'alterazione nel fegato e nel muscolo scheletrico del contenuto di glicogeno e i livelli di glucochinasi, esochinasi, glucosio-6-fosfato e fosfofruttochinasi epatica nei topi diabetici erano parzialmente restaurati dalla somministrazione del amaro melone. In condizioni simili, l'estratto riduceva la glicemia , indotto da streptozotocina  del 15,37%, 18,68% e 22,86% nel 40esimo, 50esimo e 60esimo giorno rispettivamente.  In confronto ai diabetici di controllo, il trattamento con l'estratto di melone amaro  permetteva un aumento del 36% di glicogeno sia nel fegato che nel muscolo scheletrico una riduzione del 5% di contenuto di glicogeno renale. I risultati generali suggeriscono che il melone amaro può aumentare l'utilizzazione del glucosio e la formazione di glicogeno. I risultati suggeriscono inoltre che il melone amaro è più efficace quando l'insulina è secreta dalle cellule beta nel pancreas che sono in grado di rispondere, tuttavia, anche quando rovinate, l'estratto continuerebbe a produrre effetto ipoglicemico suggerendo un effetto diretto insulino-simile.
 
Effetti sulla iperglicemia con ipercolesterolemia
 
Gli effetti dell'estratto acquoso sulle lipoproteine ed il colesterolo è stato studiato e confrontato con glibenclamide. Nei ratti diabetici i livelli dei trigliceridi si riducevano sia con l'estratto acquoso di melone amaro che con la glibenclamide (del 69% e 65% rispettivamente), mentre il Colesterolo totale così come i livelli di HDL rimanevano invariati. Gli elevati livelli di VLDL si erano ridotti sia con l'estratto di melone amaro che con glibenclamide.  Questi risultati suggeriscono che gli effetti dell'estratto acquoso di melone amaro sono paragonabili a quelli della glibenclamide nel migliorare non solo l'iperglicemia, ma anche lo squilibrio delle lipoproteine. Un altro studio condotto ha trovato che dando da mangiare i frutti seccati e polverizzati di melone amaro per 14 giorni ai ratti sia con dieta priva di colesterolo che  ricca di colesterolo provocava un’ innalzamento di colesterolo HDL nel siero ed una consistente riduzione di trigliceridi  e della concentrazione totale del colesterolo nel fegato in entrambi i gruppi. Un scoperta interessante di questo studio è che il melone amaro abbassava costantemente la concentrazione di glucosio nel sangue dei ratti nutriti con dieta priva di colesterolo, ma non nei ratti la cui dieta era ricchi di colesterolo. Dopo questo studio potremmo sostenere che il melone amaro aiuti a ridurre i livelli di trigliceridi, che sono spesso elevati nei diabetici, e migliora l'equilibrio delle lipoproteine. Tuttavia per avere qualche effetto i pazienti devono anche seguire una dieta a basso contenuto di colesterolo.
 
Sintesi degli effetti ipoglicemizzanti
 
I vari effetti del melone amaro sono stati riassunti nella tabella 2. L'attività clinicamente più significativa è ancora oggetto di studio. Tuttavia non è stato dimostrato che il melone amaro aumenti i livelli di insulina negli animali sani, nè la resistenza all'insulina sia negli animali che nei pazienti diabetici. È probabile che la generale attività ipoglicemizzante sia legata ad un'attività extra-pancreatica che promuove l'immagazzinamento del glucosio nei muscoli e nel fegato, mentre sopprime la produzione eccessiva di glucosio nel fegato. Questo effetto sarebbe simile all'effetto della metformina ed è stato proposto che l'attività anti-diabetica del melone amaro potrebbe essere simile a quella della metformina.
 
Tabella 2
Riepilogo delle attività ipoglicemizzate del melone amaro. Citato in un articolo recente di una rivista di J. K. Grover e SP Yadav.
 
Attività Pancreatica:
Miglioramento delle cellule beta promuove o imita l'insulina.
Attività Extra Pancreatica:
Aumento della proteina di trasposto GLUT4 dei muscoli,
Aumenta l'utilizzo del glucosio nel fegato e nei tessuti muscolari,
Inibizione del glucosio-6-fosfato e fruttosio-1-6 bisfosfato nel fegato e stimolazione delle cellule rosse e attività glucosio-6-fosfato deidrogenasi degli epatociti,
Inibizione del trasporto di glucosio dagli enzimi spazzola dell'intestino tenue,
Ristabilizzazione della depressa attività degli enzimi nel fegato, responsabile carbohydrate metabolis, including hexokinas, glucoskinase, metabolismo dei carboidrati - compresi esochinasi, glucochinasi, phoshpofructokinase (31) fosfofruttochinasi (31).
 
Aumenta l'utilizzo del glucosio nel fegato e nei  tessuti muscolari. Inibizione del glucosio-6-fosfato e fruttosio-1-6-bisfosfato nel fegato e stimolazione delle cellule rosse e attività glucosio-6-fosfato deidrogenasi degli epatociti. Inibizione del trasporto di glucosio dagli enzimi spazzola  dell'intestino tenue. Ristabilizzazione della depressa attività degli enzimi nel fegato, responsabile metabolismo dei carboidrati (compresi esochinasi, glucochinasi, fosfofruttochinasi)
 
La prevenzione delle complicanze del diabete
 
Le complicazioni del diabetico sono frequenti e possono avere riscontri negativi, con  gravi danni ai reni, agli occhi, sui nervi e vasi sanguigni. E' stato dimostrato che il melone amaro riduce o ritarda le complicazioni del diabete negli animali studiati. E' stato dimostrato che il bitter melon riduce i livelli di creatinina sierica, albumina nelle urine, volume delle urine e peso nei topi con diabete indotto da streptozotocina rispetto ai topi di controllo. La complicazione del diabete più frequente e invalidante è la neuropatia diabetica, la quale causa dolore agli arti, disfunzione sessuale e gastrointestinale, e sintomi  genito-urinario e cardiovascolari. L'estratto di melone amaro acquoso (200 mg/kg) somministrato agli animali diabetici per 50 giorni ha prodotto una riduzione del dolore nelle code dei topi rispetto ai controlli. L'efficacia del melone amaro è stato considerato anche nella prevenzione delle cataratte dei topi con diabete causato da allossana. Il gruppo sperimentale era trattato con una dose giornaliera di 200 mg / kg di  estratto di melone amaro liofilizzato e sciolto in acqua, per 4 mesi.  Tutti gli otto gli animali del gruppo non trattato sviluppava cataratta (stadio IV) dopo 3 Mesi , invece  nessuno dei topi del gruppo trattati con il melone amaro sviluppava cataratta durante i 4 mesi dell'esperimento. La somministrazione orale di estratti di melone amaro per 1 mese produceva un abbassamento del 64% nei livelli di glucosio nel siero rispetto al livello delle 48 ore.  Dopo 2 mesi di trattamento, i livelli di glucosio si riduceva del 67%.
 
Sindrome X
 
La sindrome metabolica conosciuta come Sindrome X (sindrome di insulino-resistenza oppure sindrome di REAVEN) è caratterizzata da un gruppo di fattori di rischio metabolici in una persona. Questi includono l'obesità centrale (tessuto adiposo in eccesso e intorno all'addome), dislipidemia aterogenica, insulino-resistenza o intolleranza al glucosio, stato pro-trombotico (per esempio, valori alti di inibitori nel sangue di attivatori del fibrinogeno o del plasminogeno), elevata pressione arteriosa (130/85 mm Hg o superiore) e uno stato pro-infiammatorio (ad esempio, elevata sensibilità alla proteina C-reattiva nel sangue). Le cause principali di questa sindrome sono  sovrappeso e/o obesità, inattività fisica e fattori genetici. Le persone con questa sindrome metabolica sono ad alto rischio di malattie coronariche, altre malattie legate all'accumulo di placche nella parete delle arterie (ad esempio, l'ictus e le malattie vascolari periferiche) e diabete di tipo 2.  E' stato dimostrato che una dieta ricca di fruttosio induce l'insorgenza della sindrome X. E' stato dimostrato che l'estratto di melone amaro (400 mg / die per 15 giorni) prevenga l'iperglicemia (63,5 mg / del  versus  75,78 mg / dl, (p <0,001) e l'iperinsulinemia (7,78 ng / dl contro 15,04 ng / dl nei controlli, P <0.001) nei ratti nutriti con una dieta a base riso di fruttosio.
 
Studi clinici
 
Gli studi clinici condotti con il melone amaro sono pochi e supportati da metodologie scarse, basso numero di soggetti, e sono stati basati su scarse preparazioni definite di melone amaro. Essi comunque tendono a confermare l'uso tradizionale del melone amaro nel trattamento del diabete. Un estratto di soluzione acquosa dei frutti di melone amaro ha dimostrato una riduzione del glucosio nel sangue in nove soggetti con diabete di tipo 2 su Oral glucose  tolerance  test (50 g). Il melone amaro consumato fritto quotidianamente ha dimostrato di produrre un piccolo ma significante miglioramento nella tolleranza del glucosio nei soggetti diabetici con nessun aumento dei livelli di insulina nel siero. E' stato dimostrato che la polpa di questo ortaggio, melone amaro, riduca in modo significativo il glucosio nel siero post-prandiale (dopo pranzo) nell' 86% dei casi, e la glicemia a digiuno nel 5% dei casi in 100 pazienti affetti in maniera moderata da diabete di tipo 2.E' stato osservato che il succo di melone amaro migliori la tolleranza al glucosio nel diabete di tipo 2.
 
Sicurezza
 
Uno studio sui ratti diabetici allossana-indotti che confrontava gli effetti dell'estratto acquoso di melone amaro con glibenclamide in un periodo superiore a 4 settimane, ha trovato che i livelli di acido urico e della creatinina non sembravano aumentare, indicando un'assenza di qualsiasi danno significativo ai reni. Sono stati abbassati i livelli di SGOT sia con l'estratto aquoso di melone amaro che con glibenclamide (21% e 46% rispettivamente), è stato anche abbassato l'SGPT del 14% e 12% rispettivamente. Questi risultati suggeriscono che entrambi i trattamenti abbiano un'azione protettiva, contrariamente ai danni che il diabete causa sull’organo. Alla fine dei 30 giorni  di trattamento non è stato trovato cambiamento istologico per il fegato o i reni.  Gli autori hanno concluso che l'estratto del melone amaro acquoso a 20 mg / kg  può invertire l'iperglicemia indotta dall'allosana nei ratti senza tossicità per il fegato o reni (dopo 4 settimane) e potrebbe essere prescritto in modo sicuro a pazienti diabetici (40). Uno studio di tossicità sub-acuta ha rilevato che alla fine di un periodo di studio di 2 mesi con 200 mg/kg giornalmente di estratto di melone amaro liofilizzato non produceva nessun cambiamento statistico sinificativo in senso di valori di leucociti (WBC), eritrociti (RBC), emoglobina, ematocrito, volume corpuscolare medio (Mcv) e concentrazione media di emoglobina (Mch) rispetto ai controlli. A causa di possibili effetti anti-fertilità, teratogenici e abortivi di alcuni componenti, e a causa della  mancanza di informazioni dettagliate, l'uso di estratto di melone amaro non è raccomandato durante la gravidanza o per quelli che pianificano di fare una famiglia. Il melone amaro non è stato classificato dalla American Herbal Products Association o valutata da Commissione Tedesca Europea. Il melone amaro è disponibile come integratore alimentare negli Stati Uniti sotto la Dietary Supplements Health and Education Act del 1994 (DSHEA).
 
L'interazione con farmaci
 
Il melone amaro potrebbe avere effetti additivi quando consumato in concomitanza con altri agenti  ipoglicemici. In uno studio clinico, 8 soggetti su 9 hanno provato un effetto additivo di riduzione del glucosio dopo aver assunto il melone amaro o la frittura del frutto insieme alla sulfonilurea.  Nei ratti, l'effetto di riduzione del glucosio della sulfonilurea tolbutamide era potenziata dopo l'ingestione di succo di melone amaro.
 
Indicazioni
 
Diabete di tipo 1 - trattamento di supporto, riduzione delle complicanze a lungo termine Diabete di tipo 2 - controllo dello zucchero nel sangue e riduzione delle complicanze a lungo termine. Sindrome X - insulino - resistenza, obesità. Obesità - riduzione del rischio di sviluppare il diabete. Disturbi digestivi compreso ulcere
 
Dosaggi
 
Le polveri secche e gli estratti utilizzati negli studi sperimentali non sono stati definiti chimicamente e i ricercatori non sono d'accordo su quale tipo d’estratto è più efficace. Alcuni studi suggeriscono che l'estratto acquoso di base è più efficace, uno studio ha scoperto che l'estratto d’etanolo è stato inefficace, ancora un'attività significativa è stata confermata per gli estratti  alcolici, così come i frutti secchi in polvere in altri studi. Queste conclusioni illustrano la complessità della produzione effettiva dell'estratto alle erbe e suggeriscono che l'estratto acquoso-alcolico potrebbe dare un'attività a più ampio spettro. Le foglie del melone amaro sono comunemente usati come decotto. Una tazza di foglie viene bollita in tre tazze di acqua fino a ridurla a una tazza.  Questo decotto è preso da una a tre volte al giorno. Il frutto è anche mangiato fritto o preso come un succo,tuttavia, poiché è estremamente amaro è  spesso preso sotto forma di polvere di frutta secca, o come estratto alcolico o acquoso secco in tavolette o capsule. Il dosaggio della polvere secca in capsule varia da 3-15 g al giorno. Il dosaggio dell'estratto standardizzato ha una variazione che è tipicamente 100-200 mg tre volte al giorno.  Il rapporto dell'estratto e del farmaco varia da 4:1 a 20:1.  Gli estratti sono generalmente standardizzati  al 3-7% del composto melone amaro e 0,5-1% charantina.
 
Conclusioni
 
Il melone amaro è più efficace nell'iperglicemia moderata (nella sperimentazione del diabete lieve la riduzione è stata del 50-60%). Nel diabete grave l'effetto è minore. Il miglioramento è più lento confrontato all'insulina o alla sulfonilurea. Gli effetti del melone amaro differisce dall'insulina in quattro aspetti: 1) ha un effetto ipoglicemizzante su somministrazione per via orale, 2) ha un inizio ritardato di azione, 3) aumenta l'utilizzazione periferica del glucosio anche nei tessuti autonomi da insulina, 4) ed ha un'attività più lunga e durata. Come l'insulina, il melone amaro ha un'attività ipoglicemizzante. Aumenta il contenuto di glicogeno scheletrico ed epatico ed aumenta gli enzimi coinvolti nella glicogenesi. Il melone amaro potrebbe essere più efficace nel ridurre l'elevato glucosio nel siero quando i pazienti seguono una dieta a basso contenuto di colesterolo. Il melone amaro potrebbe essere utile nel ridurre le complicazioni a lungo termine nei diabetici di tipo 1.  Potrebbe aiutare il controllo dell'iperglicemia, la resistenza all'insulina e l'iperlipidemia nel diabete di tipo 2 e nei pazienti affetti da sindrome X. Sono necessari ulteriori studi clinici per assodare l'efficacia clinica nel trattamento di questi disturbi.